Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA
×

Rosso 8817 Basso 108 Donne Delle Pistoni Stegmann Refrattario Top A p0PqgnwOA

di Angela Pederiva

Fu una notte a dividere il prima dal dopo. Una notte di dieci anni fa, quella tra il 20 e il 21 agosto 2007. La notte in cui Gorgo al Monticano, fino ad allora semi-sconosciuto paesino della provincia trevigiana, diventò lo spaventoso set di un film dell'orrore, tanto tremendo quanto vero: marito e moglie, il 67enne mantovano Guido Pelliciardi e la 60enne pordenonese Lucia Comin, derubati di 600 euro e barbaramente uccisi dopo essere stati massacrati e torturati nella dépendance della villa di cui erano custodi da appena cinque mesi. Nel decimo anniversario di quello scempio, che segnò un doloroso spartiacque nella percezione e nelle politiche della sicurezza a Nordest, riavvolgiamo il nastro insieme ad Antonio Fojadelli, l'allora procuratore di Treviso che ci confida: «Ancora adesso ho i brividi».

IL SANGUE - Eppure ci volle un bel po' di sangue freddo, davanti a tutto quel sangue innocente. I due corpi martoriati furono ritrovati intorno alle 3 del mattino da Luigi Trezza, all'epoca guardia giurata dell'istituto di vigilanza Carniel, insospettito dalla luce accesa e dalla porta aperta nell'alloggio di servizio alla residenza della famiglia Durante, industriali in vacanza. Il metronotte allertò la centrale operativa, dove in servizio c'era Daniele Pelliciardi, unico figlio della coppia: fu proprio lui a chiamare l'ambulanza e i carabinieri, prima di accorrere sul luogo della strage. Rammenta al riguardo Fojadelli, allertato dal suo sostituto Valeria Sanzari, alle ultime ore del turno: «A volte si dice: ne ho viste tante. Ma di così gravi, mai. Scene da non descrivere nemmeno». Dovette farlo il medico legale Massimo Montisci, nella relazione in cui ricostruiva l'inaudita ferocia con cui Guido e Lucia erano stati trucidati: 180 colpi di cacciavite e di spranga. (....)

IL FANTASMA - Fojadelli rimane convinto che ce ne fosse pure un quarto, in aggiunta ad Alin che fu il primo a confessare, a Naim che si è sempre addossato solo la pianificazione di un furto, ad Artur che il 20 dicembre 2007 si impiccò in galera. «Il suo suicidio rimarca l'ex capo della procura inficiò gravemente l'inchiesta. Riteniamo che Lleshi si tolse la vita perché, dopo averci dato alcune vaghe indicazioni sul complice che commise materialmente con lui il duplice delitto sotto l'effetto della cocaina, non resse alle minacce. Se il killer avesse parlato, sarebbe scattata la vendetta sulla sua famiglia, in Albania. Lo so, dal punto di vista realistico, il quarto uomo appare come un fantasma: solo un'impronta, nessuna telefonata. Ma abbiamo la certezza morale che furono in due ad ammazzare i coniugi Pelliciardi. Quanto a Stafa, siamo convinti che non abbia mai ammesso di aver organizzato e diretto la carneficina per non violare il suo codice criminale». I tre furono fermati il 4 settembre. «Non dimenticherò mai - rivela il magistrato -  attualmente in pensione la telefonata che la collega Sanzari mi fece alle 4 del mattino. Tre sole parole: Li hanno presi...».

COSA RESTA Oggi del massacro di Gorgo restano due condanne definitive (per Bogdaneanu a 18 anni, per Stafa all'ergastolo), il mancato risarcimento della famiglia Pelliciardi, le telecamere del piano di videosorveglianza esteso al territorio provinciale. E un nuovo sentimento di paura, come lo descrive il sociologo Gianfranco Bettin in Gorgo, il libro che problematizzò da sinistra il tema della sicurezza, a lungo appannaggio della destra: «In parte è prodotto da singoli episodi e dall'eco che suscitano nella vita reale delle persone. In parte è una creazione insieme emotiva e politica, che balena e si ricompone progressivamente nell'universo dei media e nella sua rifrazione negli occhi, nella testa, nel microcosmo e nella vita di ognuno». Dieci anni dopo, quel gorgo è ancora dentro di noi.
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Agosto 2017, 05:03



Pistoni Refrattario Top Basso Rosso A Delle 108 Donne 8817 Stegmann



<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il massacro nella notte di Gorgo:
quando il Nordest scoprì il terrore
Rosso A Donne Delle 108 Basso Pistoni 8817 Top Stegmann Refrattario
108 8817 Top Donne Refrattario Basso Delle Stegmann A Rosso Pistoni
Abiti Delle Abito In Lunghi Donne Formale Sera Collare Drasawee Partito Del Rilievo Merletto Da rPwFYqrtx
Abiti Delle Abito In Lunghi Donne Formale Sera Collare Drasawee Partito Del Rilievo Merletto Da rPwFYqrtx
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-08-16 11:36:49
Chissa' cosa si diranno gli amici e conoscenti ...dei condannati...per commemorare la strage. Agivano isolati o con una rete?Sara' scomparsa la mala pianta? La pratica della talpa interna che lavora ma bada anche ad indagare e poi spiffera al braccio esterno...sara' stata un caso isolato?
Malorie Tasto Womens Alto Frye Tan z8xqx
2017-08-16 08:48:08
In loro memoria e per il loro sacrificio. Tolleranza zero
2017-08-16 06:44:07
Uno , il giovane, aveva l'auto parcheggiata in comune vicino, dove lavorava e dove probabilmente fu organizzata la rapina.Sarebbe bene che anche dopo 10 anni venissero controllati gli affitti degli appartamenti.Uno si registra , altri entrano o girano come hotel del crimine.Anagrafe condominiale??? Tanti se ne fanno un baffo...e le chiavi fornite ..hanno poi numerosi cloni.
2017-08-15 18:32:33
.. non scoprì il terrore ma le bellezze della globalizzazione. il fascino del progressismo. il modernismo del papismo ed il buonismo delle pie donne.. si scopri e rafforzò il sol dell'avvenir di cui si sentiva la mancanza conservatrice..
2017-08-15 16:50:05
La vicenda giudiziaria si svolse in modo vergognoso e fu coronata dal suicidio dell'albanese Lleshi il quale già in precedenza era stato condannato erroneamente e per questo risarcito dallo Stato. L'isteria legaiola indusse un avvocato d'ufficio dopo l'altro a rinunciare alla Difesa. Per preparare l'opinione pubblica furono annunciati vari tentativi di suicidio in carcere ma ciononostante questo alla fine avvenne. Il presunto esecutore scrisse (non conosceva l'italiano) una richiesta di perdono (reo confesso ?) al figlio ma questi disse di non averla mai ricevuta. E poi quell'esagerata condanna al giovane ragazzo romeno che aveva la sola colpa di aver appena iniziato a lavorare nella fabbrica del titolare della villa.
Questo sito utilizza cookie tecnici e profilativi, sia propri che di terze parti, per migliorare le funzionalità e per inviarti pubblicità e contenuti in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.